fbpx
Create an Account

Dalle canzoni Trap alle storie di speranza

By
19 Agosto 2021

Tommaso è un giovane docente presso un istituto professionale del nostro territorio. Per allacciare un dialogo con i suoi ragazzi, anche con i più ”difficili”, Tommaso ha sfruttato la sua passione per le canzoni che vanno per la maggiore tra i giovanissimi e che fanno milioni di visualizzazioni su YouTube. Dal commento in classe dei testi di queste canzoni è nato il progetto di uno spettacolo teatrale che coinvolgerà gli studenti del professionale insieme a quelli del liceo. L’autore prescelto è Izi, uno dei più rappresentativi «trapper» del momento. Ma cos’è la trap? È un genere musicale derivato dall’hip hop, divenuto estremamente popolare, negli ultimi anni, anche in Italia. I trapper sono generalmente ragazzi con un passato difficile, con storie di droga ed emarginazione alle spalle, e autodidatti: la trap infatti non richiede di imparare a suonare uno strumento e neanche di saper cantare. Le basi si possono scaricare da internet e la voce è regolarmente modificata con l’autotune, un dispositivo che serve a correggere i difetti di intonazione. Per fare la trap serve saper padroneggiare le rime e avere il flow (la fluidità), cioè la capacità di parlare molto velocemente senza incepparsi. Temi ricorrenti della trap sono l’uso di sostanze stupefacenti, il sesso, l’ostentazione della ricchezza e la vita dell’artista alle prese con manager rapaci e haters invidiosi (gli odiatori sono una categoria molto presente nel mondo di internet).Sorprendentemente Tommaso riesce a trarre da questi testi, così cupi, spiragli di speranza da cui partire per far conoscere ai ragazzi storie di perdono, di collaborazione, di imprenditoria virtuosa. Come la storia di Tam Tam Basket, l’associazione fondata dall’ex giocatore di pallacanestro Massimo Antonelli a Castelvolturno, città dal forte disagio sociale, per dare ai ragazzi immigrati l’opportunità di praticare gratuitamente un’attività sportiva.«Nessuno si salva da solo», questo il tema della canzone di Izi «Zorba» (dal nome del gatto che insegna alla gabbianella a volare nel celebre romanzo di Luis Sepúlveda). Tema che si ritrova anche in «Carioca», brano in cui Izi accenna all’incontro con un amico e con una passione, la musica, che lo aiutano a uscire dalla disperazione. Tommaso scava nei testi e li interpreta, non si ferma alla prima impressione… perché anche vivendo le solitudini più nere e disperate è sempre possibile aggrapparsi a un verso, a un’emozione per ritornare alla vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top